Introduzione

Ricercato ed utilizzato dalle corti italiane ed europee fin dal Medioevo non soltanto per le sue doti venatorie, e per la sua affidabilità, ma anche per il suo temperamento dolce ed affettuoso e per la sua bellezza estetica, il bracco italiano rappresenta un vanto per la storia dell'allevamento cinofilo in Italia.

Questo interessante libro traccia l'evoluzione della razza braccoide fin dalle sue più remote origini e definisce gli standard moderni di questo utilissimo cane da caccia. Si tratta di un'opera fondamentale nel suo genere dal momento che riesce a colmare un vuoto nella letteratura specializzata che prima d'ora non presentava in maniera esaustiva una documentazione completa dell'origine e sviluppo di questa razza.

Il vuoto viene colmato in un modo interdisciplinare, affrontando l'argomento dal punto di vista storico, cinofilo, letterario ed artistico senza trascurare una certa partecipazione emotiva dei due autori. L'opera nasce infatti dall'incontro e collaborazione di due diversi tipi di specialisti, da una parte Giuseppe Colombo Manfroni, appassionato cinofilo, allevatore di bracchi e giudice internazionale di razze da caccia, e dall'altra Massimo Ferri, artista poliedrico che si sta potentemente affermando a livello italiano ed internazionale con la sua preziosa produzione di acquarelli, pastelli, disegni e sculture e che, pur avendo come principale ispirazione artistica la città di Venezia, si è recentemente dedicato alla realizzazione di una serie di opere ispirate al mondo del cane da caccia italiano per eccellenza. Pur avendo i due autori una formazione diversa, quello che traspare dal libro sono la grande passione ed il sentimento di simpatia per questa razza canina. Ciò li ha spinti a occuparsene, anche se in maniera differente, ed ha suscitato in loro il desiderio di contribuire alla conoscenza dell'importanza di questo cane, ed alla sua sopravvivenza, anche grazie alla pubblicazione di quest'opera letteraria ed artistica.

Il libro è diviso in due parti. La prima, scritta da Colombo Manfroni, presenta una interessante panoramica della storia del bracco, anche attraverso l'ausilio di fonti letterarie ed iconografiche.

 

Lo studio parte dalle prime testimonianze della razza, dai suoi progenitori medievali al suo perfezionamento a partire dal sedicesimo secolo, quando inizia ad essere apprezzata e richiesta anche nelle corti estere, fino all'apice nella sua educazione ed utilità nel diciottesimo secolo ed a una fase di decadenza avvenuta nella prima metà del 1800 a causa dell'abbandono della cura di questa razza da parte di molti grandi signori e proprietari terrieri che iniziano a preferire alla caccia delle attività più cittadine. Nonostante la concorrenza di cani stranieri, in particolar modo inglesi e francesi, un nuovo interesse per la caccia insieme alla passione e al contributo fondamentale di alcuni grandi cinotecnici e alla fondazione nel 1882 del Kennel Club Italiano (KCI), in seguito denominato Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (ENCI), portarono ad una ripresa dell'allevamento e alla definizione di precisi standard della razza. Questo impegno notevole ha contribuito a ottenere nuovamente dei cani di grandi qualità estetiche e venatorie. Proprio al fine di garantire questo livello qualitativo in futuro, la prima parte del libro termina con la descrizione degli standard morfologici più aggiornati come guida pratica per coloro che si dedicano o che hanno intenzione di dedicarsi all'allevamento di questa razza.

La seconda parte del libro è riservata alla presentazione di una cinquantina di opere di Massimo Ferri tutte realizzate nel corso di quattro anni, dal 2009 al 2013, e tutte aventi come tema centrale il bracco. Grazie all'impiego magistrale di diverse tecniche artistiche, dall'acquarello al pastello e dal disegno alla fusione in bronzo, e all'osservazione e allo studio in prima persona di magnifici esemplari di bracchi, il nostro artista ha saputo rendere con grandissima empatia i loro diversi caratteri ed espressioni individuali contribuendo così alla celebrazione artistica di questo impareggiabile cacciatore.

Questo libro rappresenta dunque uno strumento di studio fondamentale non solo per gli studiosi, gli allevatori e gli appassionati cinofili, ma anche per gli amanti dell'arte, i collezionisti e genericamente per tutti coloro che desiderano saperne di più su questa importantissima razza canina italiana.

Beatrice Bianca Bertoli

Il Bracco Italiano

Il bracco italiano arte e storia

collana grandi libri illustrati

Editoriale Giorgio Mondadori

Scopri il libro

Il Bracco Italiano
arte e storia

di Massimo Ferri e Giuseppe Colombo Manfroni

Compralo ora!

Hai già acquistato il libro e vuoi sapere dove si trova?

Controlla lo stato della spedizione

Descrizione

Dalla collana "GRANDI LIBRI ILLUSTRATI" editrice Giorgio Mondadori un'opera prestigiosa e completa, aggiornata all'ultimo Standard internazionale della razza, che racconta la storia del Bracco Italiano dalle origini ai giorni nostri. Una razza nazionale amata e apprezzata anche all'estero, a cui questa pubblicazione rende merito proponendo la traduzione del testo in lingua inglese.

Tavole a colori di Massimo Ferri
Testi di Giuseppe Colombo Manfroni

Volume di 192 pagine; formato cm 24 x 32; legatura cartonata con sovraccoperta

Contatti

Compilare correttamente tutti i campi segnalati

Dichiaro di aver letto l'INFORMATIVA PRIVACY

Completa l'ordine

Informazioni di spedizione

Compilare correttamente tutti i campi segnalati

Dichiaro di aver letto l'INFORMATIVA PRIVACY

Riepilogo ordine

€38.00
€8
2 giorni lavorativi
€46.00
Attendere prego, verrete indirizzati su Paypal a breve.
Se il reindirizzamento non avviene in automatico clicca qui

Condizioni di recesso

Ai sensi dell'art. 5 del d.lgs. 206/2005, il Cliente (qualora sia qualificabile come "consumatore") ha il diritto di recedere dal contratto e di restituire i Volumi ordinati, purchè siano nel medesimo stato in cui li ha ricevuti. Tale restituzione potrà essere effettuata senza alcuna penalità e senza specificarne il motivo. Il diritto di recesso dovrà essere esercitato dal Cliente, a pena di decadenza, mediante invio di lettera raccomandata a.r. a:

RADAR SRL
Via Marconi, 2
46043 Castiglione delle Stiviere (MN)
Tel. 0376.631709

entro il termine di 10 (dieci) giorni lavorativi dal ricevimento dei Volumi. La comunicazione di cui sopra può essere inviata, entro lo stesso termine, anche mediante fax a RADAR SRL al numero +39 0376 631700, purché confermata, mediante lettera raccomandata a.r., entro le 48 (quarantotto) ore successive all'invio del fax. Tutti i resi dovranno essere autorizzati dal Servizio Clienti RADAR Srl (tel. +39 0376 631709) il quale rilascerà un numero di autorizzazione al rientro. Una volta ricevuto tale numero, il Cliente potrà rispedire il Volume al seguente indirizzo: RADAR SRL via Marconi, 2 46043 Castiglione delle Stiviere (MN), indicando il numero di autorizzazione alla resa. La restituzione del Volume dovrà avvenire entro 10 (dieci) giorni dal ricevimento delle comunicazione contenente il numero di autorizzazione alla resa. Le spese della spedizione saranno interamente a carico del Cliente, e non verranno accettati pacchi in contrassegno. Una volta ricevuti i Volumi e verificata la loro integrità, se i Volumi non risultano danneggiati la RADAR SRL provvederà, nel più breve tempo possibile e comunque in conformità ai termini ed alle modalità previsti al proposito dall'art. 5 comma 7 del Decreto, ad accreditare al Cliente il costo dei Volumi restituiti, trattenendo, ove necessario, l'importo delle spese di spedizione eventualmente non corrisposte dal Cliente, che resteranno definitivamente a carico del Cliente. Il diritto di recesso non può essere esercitato dal Cliente nel caso in cui i Volumi acquistati risultino danneggiati.